Google+ dirittotributario.eu: 2008

martedì 30 dicembre 2008

Philip Morris, reloaded

Con l'aiuto fondamentale di un valente studente, Luca Dario (che a dire il vero mi ha fatto anche un po' sudare nonostante l'inverno ...).
Ho terminato il mio primo lavoro sul caso Philip Morris.
Quanti articoli ci hanno scritto sopra ... quante pagine meravigliose ...
Beh, non potendo fare di meglio, io l'ho tradotto, con errori, negligenze, quello che vorrete ... ma eccolo qua.
Una piccola chicca per gli amici stranieri.

The concept of 'Permanent Establishment of a Group of Companies' in a recent case of the Italian Supreme Court (Corte di Cassazione)

In 2002 the Italian Supreme Court delivered a judgement that was considered a turning point for Italian International tax law by many academics, and was of such and importance to push the OCED to amend properly the Commentary to the Model Convention in order to prevent, as far as possible, other judges to share this view.
Foreign academics not fluent in Italian had to rely on various abstracts of the cases or on articles published in order to have an idea of what had happened in Italy.
Here follows an (unofficial) translation of the case, with the only exclusion of the first, preliminary part where the Supreme Court deals with aspects of minor importance to the tax lawyer. As far as I know it is the only translation available worldwide not counting the ones realized ion the involved law firms.
In the text I tried to add some explanatory notes to help the non Italian reader to understand better the facts and the circumstances of the case, together with the more complex rules of the Italian tax trial. I was greatly helped in this translation by Mr. Luca Dario, a brilliant student of the University of Ferrara, Faculty of law, who also added some explanatory notes. My own are signed MG, while his own are marked with LD.

Unofficial translation by Dr. Marco Greggi and Mr. Luca Dario. I'm grateful to Mr. Luca Dario for his outstanding support and fundamental collaboration.

ABSTRACT
A company resident in Italy can be considered as permanent establishment of various foreign companies belonging to the same group and pursuing a unitary business strategy. In this case the activity carried on by the national company must be unitary and related to the group’s programme altogether considered in order to be qualified as auxiliary or preparatory to the latter.
The control activity on the exact execution of a contract between a resident and a non-resident company (the first being a third party company and the second a company belonging to the group) cannot be considered – in principle – auxiliary according to the article number 5, paragraph number 4, of the OECD Model.
The existence of a permanent establishment must be tested not only according to a formal approach, but also – and above all – by a substantial one: the second one must prevail even when the possibility to enter into contracts (autonomously or not) is considered as well.

Supreme Court, Tax Division, judgement n. 7682, December 20th 2001 – delivered on May 25th 2002.

(Omissis).

3.1. The facts of the case
From the reading of the reassessment by the Tax Office and of the papers delivered by the parties during the Appeal judgment [actually, second degree judgement in the Italian Tax process law, MG] is evident that the sentence of the Court of Appeal [according to Italian Tax law, the first degree judge deciding tax cases is the 'Commissione tributaria provinciale', Provincial tax tribunal, while the second degree tax judge is the 'Commissione tributaria regionale', Regional tax tribunal, being the Supreme Court the third, and last, degree judge. In the following translation I preferred to qualify the second degree judge 'Regional tax tribunal' as 'Court of Appeal' as fas as it operates as such even if, in Italian law, the Court of Appeal 'Corte di Appello' deals with Civil and Criminal cases only, MG] is lacking under several aspects being partially deprived of any motivation and partially founded on improperly interpreted rules (both national and derived from the Double taxation convention between Italy and Germany which is applicable to the circumstances of the case).
It is clear, first of all, that Intertaba s.p.a. [Intertaba s.p.a. is the company resident in Italy which belongs to the Philip Morris group and was considered to act also as a permanent establishment, P.E., of the while group by the Tax Office, MG] has acted as a permanent establishment of the different companies of the Philip Morris group, in the framework of a unitary programme, thus not only on behalf of the Philip Morris G.m.b.H.
In this respect, it doesn’t matter whether the assessment by the Tax Office has involved only Philip Morris G.m.b.H., and not to the other companies of the group.
Even though a group of companies can not be considered – according to the "State of the Art" of the Italian commercial law – as an independent legal entity which differs from the companies forming it, and even if this is also true in Tax law, however it could happen that one or more companies belonging to the group could carry on a business activity ('management', in English in the original text, LD) operating a structure in the State of the source [Italy, in the case, MG] that could be considered as an integral part of a larger programme, making reference to the group. Therefore as far as the structure in the source State operates in favor of several foreign companies, these ones must be considered altogether for the tax purposes of this specific case. In this respect, it is not correct to test the existence of a permanent establishment in Italy for each one of them, being correct to consider them together and assess the existence of a P.E. for all of them. More to the point, to a certain extent, if there's evidence that the above mentioned structure operated as a P.E. for a foreign company, then this situation could be considered as an indication of the fact that the same structure operated as a P.E. for another company of the same group as well.
The OECD Model convention Commentary provides clearly (sub art. 5, § 4 - 24) that a national structure may assume the role of management office for a group with (inter)national ramifications.
Consequently, as a matter of fact, the evidence that demonstrates the qualified relationship between Philip Morris G.m.b.H. and Intertaba s.p.a. (the latter acting as a permanent establishment of the former) can be used also to demonstrate that the Italian company was also as a permanent establishment of the other companies of the group while pursuing the same shared goals.
It is well known that the subsidiarity of a company to another (being Intertaba s.p.a. controlled by another one of the Group), is not enough to qualify the former as a P.E. of another, non resident, one. The mere existence of a company control is not, in fact, enough, in accordance with art. 5, § 7, of the OECD Model, which is exactly and correctly mentioned in the appealed sentence, to qualify the controlled company as a P.E. of the controlling one.
The fact that the OECD Model had expressly inserted the so-called anti-single entity clause or Antiorganschaftsklausel, unlike previous Double taxation conventions (see art. 11, § 1, of the DTC between Italy and France, dated 6th December 1965, ratified and made executive with the Act n. 766 passed on august 9th) must not, however, make the interpreter to underestimate that the phenomenon of hidden permanent establishments finds a most favourable environment in the multinational groups of companies. Here the unitary strategy of the group may adopt and implement ways of exploitation of the controlled companies in such a penetrating way as to transform them, although still independent legal bodies, in simple management structures of other companies.

3.2 - After these preliminary remarks, this Court considers necessary some clarifications on the notion of permanent establishment in direct taxation, in order to verify the correctness of the Court of Appeal reasoning, according to art.  384, § 2 of the Italian Civil Procedure Code [that is, a rule allowing the Supreme Court to amend the decision of a lower court regarding the interpretation of the law, LD].
It is well known that Italian Tax law now has a definition of permanent establishment [that was implemented in 2004, LD]. However in this specific case both the parties made reference to the OECD Model Convention on double taxation and to the Commentary to the Model: this point is not susceptible of re-examination by the Court. This is, therefore, the legal basis to be taken into account during the control that the Supreme Court has to exercise on the second degree one, as well as on the adequacy and logical coherence of the Court of Appeal reasoning. If further clarifications and explications are required, just like in this case, the Supreme Court can do this exercising its duty to safeguard the homogeneous interpretation of legal concepts across the Country [in Italy we define this activity as 'nomofilachia', nomophilaptic activity. It is taken from two words of Greek origin 'Nomos' (rule) and 'Philos' (passion, care, study): that is, care for the rule or, in other words, care for the correct interpretation of the rules. This activity is of fundamental importance as far as it prevents Courts of Appeal to implement different definitions of same concepts across the Country, LD].
Regarding the notion of permanent establishment in direct taxation, it is first of all necessary understand that the cases mentioned in art. 5, OECD Model Convention (inspiring the conventions with Germany and with the USA, for example) clearly demonstrates that the notion is certainly less restrictive than that the one applicable for VAT purposes.
The different purpose of both the provisions is helpful in understanding the reasons of the distinction: the conventional rules are aimed at reciprocally reduce the direct taxing power of both Contracting States (in this respect there's no specific EU competence, according to art. 293 -formerly art. 220-, § 2 of the Treaty).  Uniform European rules are however applicable for VAT purposes, and are basically enshrined in the 6th EU Council directive 77/388/EEC, dated May 17th 1977 (now in 2006/112/EC Directive) and further amendments. These rules are – as the European Court of Justice repeatedly affirmed – unconditioned and sufficiently precise, and therefore 'self executing' in the national law systems.
Article 9, n. 1 of the 6th Directive doesn’t make reference to the concept of permanent establishment, but rather to 'fixed establishment' which requires, in the opinion of the ECJ (see, besides, the sentence 17th of July 1997, case C-190/95, Arolease BV vs Inspecteur van de Belastingdienst Grote Ondernemingen te Amsterdam) the employment of human and material resources, not being sufficient the presence of equipments (like vending machines) in the territory where the transaction is concluded.
According to the specific circumstances of this case, we can refer to § 12 of the German general revenue law (Abgabeordnung 16th of March 1976), which 1st sub-paragraph contains the following general definition of permanent establishment (Betriebstatte) «... jede feste Geschaftseinrichtung oder Anlage, die der Tätigkeit eines Unternehmens dient ...» (every stable installation of business or factory that serves to the activities of a company). The definition, that refers to the concept of the so-called 'material permanent establishment', originating from the legal system of the Country where Philip Morris G.m.b.h. has its headquarters, may provide a useful model to the implementation of the same concept in our legal system. This effect is possibile mainly because, even though concerning a discipline regulated by International conventions, the interpretation must always be consistent – according to the opinion of the ECJ – with the general principles and fundamental freedoms provided for in the European Community Treaty (particularly, the prohibition of discrimination and the right of establishment), above all when – like in this case – the exercise of taxing power concerns companies having their headquarters in a Country Member of the EU.
It has to be excluded, besides, that the notion of permanent establishment should be identified with that of an autonomous production unit or company service unit, not being such notion – clearly more restrictive than that conventional one – based on any clear textual or systematic reference.
The case-law of this Supreme Court, in fact, has excluded many times (cases November 27th  1987, n. 8815 and 8820; September 19th 1990, n. 5580) that the organizational structure 'de qua' should be capable of producing income, or qualified by a management or accounting autonomy, conditions that must be met however by the secondary branches, as provided by art. 2506 Civil code, as far as they can be considered only a typical 'species' [only a kind, LD] of permanent establishment.
3.3 – The Court considers that in the appealed sentence it has been exactly reconstructed – at least approximately – the notion of permanent establishment contained in the Conventional provisions. Nevertheless the Court considers that it has not been made a correct application of this concept, and the decision is based on assessments and evaluations in relation to which an adequate justification is not provided.
After these considerations, it has to be verified whether the reasoning of the Court of Appeal is correct or not. It has to be considered, in other words, the different profiles raised in the appeal and the remarks formulated in the reassessment - excluding the non contested points of the sentence - such as the permanent nature of the establishment and its continuous activities that interest directly other companies of the Philip Morris group, including Philip Morris G.m.b.H., in the strategy sphere of the same group.
3.4 - Concerning the remarks pointed out in the reassessment, it is evident that the reasoning of the Tax Office is not entirely consistent. Infact, in relation with the elements that would demonstrate the existence in Italy of a permanent establishment of Philip Morris G.m.b.H and of others companies of the multinational group 'Philip Morris' the Tax office didn't provide an adequate motivation, so this Court is not able to exercise the control provided for art. 360, n. 5, Italian civil procedure code, on the decision by the Court of Appeal.
Besides, the reassessment has not been developed in a unitary form, and the different points of the decision contain mistakes concerning mentioned rules or legal principles applicable.
The Tax office has exactly pointed out that the appealed sentence has been limited to abstract enunciations, without elaborating the specific concept [of permanent establishment, MG] and without verifying the relevance of the different elements discovered.
A foreword is necessary: according to the Commentary to the OECD Model (sub art. 5, § 4-24) if a company has delegated to a local branch of it a management activity, although relatively to a limited area of operations of the group, the local branch becomes a place of management, according to the § 2, (a) of the Model Convention.
The existence of a hidden P.E. in the case depends therefore on the activity developed by the local brach of the non resident company. If this activity fall outside the scope of the brach main business (ordinary business) then a P.E. is considered to be existent, although not formally constituted. Concerning the circumstances of the case, the revealing elements of the existence of a permanent establishment should have been considered globally and in their reciprocal connection.
Aiming at an exact reconstruction of the figure of permanent establishment according to the conventional discipline, it is relevant moreover to analyse the art.9 of the OECD Model:
1. Where
a) an enterprise of a Contracting State participates directly or indirectly in the management, control or capital of an enterprise of the other Contracting State, or
b) the same persons participate directly or indirectly in the management, control or capital of an enterprise of a Contracting State and an enterprise of the other Contracting State, and in either case conditions are made or imposed between the two enterprises in their commercial or financial relations which differ from those which would be made between independent enterprises, then any profits which would, but for those conditions, have accrued to one of the enterprises, but, by reason of those conditions, have not so accrued, may be included in the profits of that enterprise and taxed accordingly.
The analysis has to begin from the assessment by the Appeal Court which confirmed that the Italian branch of the foreign group actually ceased to operate in favor of the non-resident company and 'self restrained' to develop its own core business only. It was evident from the reading of the document delivered by the Tax office that the group of companies was aware that the Italian brach was operating in such a broader way as to qualify as a P.E. of the non resident company. The defendant of the case confirmed that this risk was tackled and the Italian brach implemented business ways and means consistent with its activity only. The Court of Appeal shared this view, but it is not clear the nature of these ways and means, nor it is possible to ascertain whether they have been effectively implemented or not.
On the contrary, it seems to emerge from the document delivered during the first two degrees of the judgement that the taxpayer tried to conceal the P.E. in Italy rather than to cut the business connection between the Italian brach and the non-resident companies. In other words, he tried to disguise the fact that the Italian company (i.e. branch of the non-resident ones) was also acting in the exclusive interest of the latter.
In order to properly qualify the activity carried on by Intertaba s.r.l. in the interest of the non resident companies it is fundamental to pinpoint the principles inspiring the OECD Model Convention.
The requirement to qualify a national structure or branch as non dependent (that is to say: to not to consider it as a P.E. of a non-resident company) is the economic and legal independence. When it acts in the interest of another company, it must do it consistently with its own core business or in other words in the 'ordinary course of his business' [in English in the text, MG] (point 37). According to the Commentary (point 38), there is an important criterion that characterizes the dependent structures: the refusal of the entrepreneurial risk for the activities exercised in the interest of the company.
Moreover, It should be pointed out that the Commentary while assessing the existence or not of a P.E. gives decisive importance to the substance of the phenomena, and not to the formal legal aspect.
3.5 Bearing in mind these preliminary remarks, the Court doesn't share the Court of Appeal view where it considers the control activity of the correct execution of the contracts by the A.A.M.S. ['Azienda Autonoma dei Monopoli di Stato', is the State owned and managed legal body operating the Monopolies, particularly the tobacco one, MG], that was exercised by Intertaba s.p.a., as merely auxiliary, so that it could not assume the role of permanent establishment of the foreign company.
For what concerns the motivation, it is important to observe that the sentence does not provide a clear description of the nature of such activity and of the content of the contractual clauses that regulated it.
Art. 5., § 4 OECD Model introduces a list of activities that that don't give rise to a permanent establishment: amongst these, the preparatory and auxiliary activities in general. In the light of § 23 of the Commentary, the presence of this general clause doesn't need an exhaustive list of such activities.
According to the Commentary, moreover, such activities do not give rise to a permanent establishment, even if exercised by a 'fixed place of business' [in English in the text, MG] because even if they contribute to the productivity of the enterprise they are so far away from the profit making activity that a link between these and the establishment is not possible. Examples of activities, which would generally be regarded as preparatory or auxiliary, include (sub art. 5, § 4 points 21 - 24): activity of advice, information gathering, scientific research aimed at patenting technologies or entering into contracts for the exploitation of a specific know-hows. From this category are excluded the functions that are 'an essential and significant part of the business activity of the enterprise as a whole'. More in general, the Commentary provides for the case (sub art. 5, § 4, points 21 - 24) where a company with international ramifications attributes to a branch powers of control or in other words 'supervisory and co-ordinating functions for all the departments of the enterprise located within the region concerned' [in English in the text, MG], then in this the case, according to the Commentary, this structure can not be considered as an agent with an independent status. It has to be considered as an 'office', according to art. n. 5, § 2, lett. e) of the OECD Model, because it constitutes an essential part of the economic operations of the company.
After these necessary remarks, the qualification as merely auxiliary of the control activity on the correct execution of the contracts by A.A.M.S., attributed to Intertaba s.p.a., doesn't seem, first of all, sustained by an adequate motivation. The Court of Appeal considered only formal elements to come to this conclusion, just like the absence of a material branch ['material' is added by the translator: in the Italian text probably the word is used in some cases in a broad sense, considering both material and personal P.E. while in others in a more restrictive sense, encompassing only the first meaning, MG]. It doesn't take into account that the Commentary and the communis opinio (both doctrine and the international praxis) stress the substantial aspect of the phenomenon.
3.7. – Coming to the examination of the individual activities that according to the Tax office reveal that Intertaba s.p.a. also operated as P.E. of non resident companies, this Supreme Court is of the opinion that under the general principles inspiring the Italian legal system the activity of control on the regular execution of contracts can not certainly be considered as auxiliary, being closely related to the income production. The part of the Appeal sentence where the Court is of the contrary opinion is not only ill founded and motivated, but infringes legal principles and rules as well, as far as it hasn't takein into account nor has applied to the case the so-called 'business connection test' [in English in the text, MG]. In this respect it is necessary to consider the existence of various factors that are tightly connected to the maximisation of profits by a foreign company. These factors include: effective activities of transport, distribution, conservation of the tobacco products and the diffusion of the same products through an adequate quantity and appropriate location of the depots and stores. The Italian law reserves these activities to the State Monopoly Administration (A.A.M.S.) that is bound to perform them, according to standards provided by appropriate contractual clauses. An effective and dynamic control of the distribution of the products on the market constitutes, therefore, a primary interest of the seller or trademark’s licensing society [Philip Morris, in this case, MG]. Considering the relevant dimensions of the Italian market, the employment of remarkable human and financial resources is of course needed.
It is, moreover, significant to point out that the activities of the so-called after sale organisation (retail of spare parts, customer service) are mentioned by the Commentary (sub art. 5, § 4, point 25) as adequate to give rise – from the functional viewpoint – to a P.E. They 'make an essential and significant part of a company services towards the clients'.
At the same time it can't be denied that this control activity represent the core of the company business, according to the Commentary guidelines, and therefore it can't be considered as a mere data collection activity.
It will be a duty of the Court of Appeal to asses, according to contractual clauses of the case and for the business praxis, whether this function of control had involved Intertaba s.p.a. in a marginal way or not.
3.8. - This Supreme Court doesn't share another point of the Court of Appeal sentence. It's the one concerning the participation of Intertaba’s representatives (who covered, at the same time, social charges in others companies of the group, Philip Morris G.m.b.H. included) to the negotiations with A.A.M.S., particularly in those related to the contracts (above mentioned) [last two words added by the translator, MG]. 
On this point,  the Court of Appeal  just expressed a generic and obvious judgement, without taking into account the indications of the OECD Model and of the Commentary.
According to art. 5, § 5 of the OECD Model, those branches having 'an authority to conclude contracts in the name of the enterprise' [in English in the text, MG] can't be considered as independent subjects. Such authority, according to the Commentary (sub. art. 5, § 5 - 33) should not be considered only in the sense of a direct representation, but includes also the activities that have contributed to the conclusion of contracts, even if these have been entered into on behalf of the company. 
According to an important international doctrine the expedient to separate the material activity of negotiating the contracts from the formal conclusion of them, or to 'split-up of business responsibilities on the hand and legal authority on the other' [in English in the text, MG] can be considered as 'tax circumvention' [in English in the text, MG] and must be interpreted according to the 'substance over form' principle, in application of § 5. 
In other words, the verification of the authority to conclude contracts should be referred to the real economic situation, and not to the Civil law. The same approach should be followed also in the single phases of the contractual relation, such as the negotiations, and the above mentioned authority doesn't necessarily need to include also the power to negotiate the clauses of the contract.
In conclusion this Court is of the opinion that the Court of Appeal didn't motivate adequately the sentence and didn't consider the evidence delivered by the Tax office, particularly it omitted any evaluation of the elements gathered by the Guardia di Finanza [the Italian Tax Police, MG] in the light of the positions held by the parties during the trial. In this respect, the Court of Appeal violated and / or didn't interpret correctly the rules and principles of the OECD Model Convention and implemented in the DTC between Germany and Italy.
This Court therefore accepts the appeal, reverse the appealed sentence and sends the case back to another section of the Court of Appeal of Lombardy for the final decision.
The Judges of the latter section will have to decide this case, after the careful reading of all the papers and documents delivered during the reassessment procedure and the different degrees of the controversy, following these legal guidelines:
I) A company resident in Italy can also operate as permanent establishment of various non resident companies belonging to the same group and pursuing a unitary business strategy. In this case the existence or not of the permanent establishment depends on the nature of the activity carried on by the Italian company, that is, its auxiliary or preparatory nature must be assessed according to the overall activity of the group. The business plans of the non-resisent companies belonging to the group must be considered as one.
II) The control upon the regular execution of contracts between a non-resident company and a resident one can't be considered, in principle, as auxiliary, according to art. 5, § 4 OECD Model Convention and art. 5, § 3 , lett. (e) of the Double taxation convention between Italy and Germany dated October 18th 1989 and implemented in Italy with the Act n. 459 on November 24th 1992.
III) The participation of representatives of a national branch or individuals appointed by the latter structure in a advanced contractual phase [the phase in which the contract is concluded, MG] between a non-resident company and a resident legal body can be considered as a part of the power to enter into contract on behalf of the non resident company [thus of acting as legal representative, MG], even if the power to represent the non resident company is not mentioned or attributed.
IV) The attribution by a non resident company to a national brach [to a national 'structure', according to a literal translation of the Italian word 'struttura', MG] of the power to manage the business in the Country, although limited to a specific segment of the overall business activity makes this branch a permanent establishment of the non resident companies for direct tax purposes.
V) The existence of a permanent establishment and of the requirements to consider a branch a permanent establishment (including the status of dependence and of the participation to the conclusion of contracts) must be verified according to a substance over form principle.
If the Court of Appeal shall decide that Intertaba s.r.l. had operated also as P.E. of the non resident company of the case, the Court of Appeal will also have to decide on the VAT aspects of the case, such as the alleged omitted invoicing, omitted payment of VAT and on the other points raised in the Court and not decided here as far as they were overruled by the decision on the existence of the P.E.
The Court of appeal shall also have to decide on the expenses of this degree of judgement.
For these reasons
The Supreme Court accept the appeal; reverse the appealed sentence and send back the case for its final decision (including the decision on the expenses) to another section of the same Court of Appeal in Lombardy.

La stabile organizzazione, il caso Karnak

Con un ritardo che ha dell'indecente sto per pubblicare gli atti del convegno del maggio scorso, dedicato al noto caso sammarinese.
Intanto, ripubblico le slides che utilizzai in quell'occasione.

domenica 21 dicembre 2008

Il seminario è finito, il corso è finito, l'anno sta finendo ...

Da Visiting professors from China


Pochi gli studenti partecipanti all'ultimo seminario dell'anno. In parte giustificati dal periodo davvero ostile.
Ad ogni modo, si tratta della terza iniziativa di fiscalità cinese che l'ateneo di Ferrara inanella in tre anni consecutivi. per quello che vale, non credo che altre facoltà in Italia investano così tanto nei rapporti con la Cina, dal punto di vista esclusivamente tributario.
E anche se fosse, con le poche risorse a disposizione, è comunque un successo, confermato tra l'altro dalla presenza di una caro amico e collega di Philadelphia che si è aggiunto a noi all'ultimo momento.
Insomma, chiuso anche questo capitolo (a breve disponibili online i VIDEO del seminario !!!) non mi resta che infilarmi le pantofole e mettermi al lavoro a terminale.
Sono in fase di editing le raccolte di atti sul caso Luxottica e sul Karnak. Insomma, un Natale da lavorare ...

martedì 16 dicembre 2008

Il bilancio sociale di UNIFE


Abbiamo online il bilancio sociale dell'Università, che può essere reperito a questo indirizzo web.
Io ancora non ho avuto tempo di darci un'occhiata, ma mi riprometto di farlo quanto prima.

Chiusura del corso

Con il seminario sulla fiscalità cinese delle banche di ieri si è chiuso il corso di diritto tributario per l'anno 2008.
Ringrazio tutti gli studenti per l'assiduità della frequenza e per la pazienza dimostrata.
L'anno prossimo sarà l'ultimo anno, poi diritto tributario sparirà dalle lauree triennali, ancora un poco di pazienza e sarà finita ...

... intanto però ecco la lista degli studenti che hanno certificato la loro presenza ieri secondo le modalità prescritte.
CARLA PERUGINI
LUCA BONDELLI
MATTEO BOMBARDA
CARLOTTA RIMONDI
VALENTINA PATRONCELLI (? MATRICOLA 074479)

domenica 14 dicembre 2008

Borsa di studio a Vienna (ma solo per i neolureati ...)

... e possibilmente dottorandi.
Copio e incollo qui di seguito la mail inviatami da colleghi austriaci.

Dear Colleagues,

The Institute for Austrian and International Tax Law wants to inform you about the Ernst Mach grants which are awarded by the Austrian Exchange Service (ÖAD) and the Academic Cooperation and Mobility Unit (ACM) on behalf of and financed by the Federal Ministry of Education, Science and Culture (BMBWK).
The Ernst Mach grant enables graduates from all countries to apply for a research period (one to nine months) in Austria supported by a grant. The grant benefit paid is a monthly rate of Euro 940 (for graduates). More details can be found in the attached information sheet and on our homepage www.wu-wien.ac.at/taxlaw.
In order to be able to apply for the Ernst Mach grant the consent of an Austrian supervisor is needed. The Institute for Austrian and International Tax Law would be very happy to support the application of promising candidates who are doing research in International Tax Law.
We kindly ask you to tell us if you are interested in applying for an Ernst Mach grant or if you know a researcher who could be interested in applying for the Ernst Mach grant until 15th of January 2009 as the closing date for applications is 1st of March 2009 (for research periods within the academic year 2009/10)
Along with the requested documentary evidence (as per attached PDF file) we would need following information:
preferred date of beginning and end of your research stay
second preference for start and end
topic of your doctoral thesis
We are looking forward to receiving your applications by email to renee.pestuka@wu-wien.ac.at

Kind regards
Michael Lang / Josef Schuch / Claus Staringer / Pasquale Pistone

Apoteosi tributaria a Bologna, vol. IV

Convegno Berliri, 2008


Gran finale!
Tutte le foto fatte durante la due giorni di convegno.
Impegni didattici a Rovigo, in mattinata mi hanno impedito di partecipare alla prima sessioione di lavori, ma quello che ho visto come sempre, ha premiato le mie aspettative, e credo anche di quelli che sono venuti.
la disponibilità delle relazioni già tradotte unitamente alla qualità dei relatori ha reso la giornata davvero speciale.

Apoteosi tributaria a Bologna, vol. III




Il Prof. Adonnino chiude la sessione internazionale del convegno di Bologna di venerdì 12 e 13 dicembre 2008, dedicato a "Tutela europea ed internazionale del contribuente nell'accertamento tributario". Interviene dopo aver domato l'esuberanza di Brito e le riflessioni di Gan: grande prove di esperienza e di self control da parte di un gentiluomo di altri tempi !

Apotesosi tributaria a Bologna, vol. II



Un po' Mandela, un po' Milingo: il Prof. Brito contribuisce al contributo bolognese come rappresentante della scuola brasiliana del diritto tributario.
L'audio in originale, in portoghese, valorizza il video, Se avessi l'audio in italiano, la flaggatura su youtube non me l'avrebbe tolta nessuno ...
Tra l'altro, notate l'imperturbabilità dell'ospite cinese, il prof. Gan: impermeabile a tutto e a tutti !

Apoteosi tributaria a Bologna, vol. I



Il prof. Falsitta a Bologna magnifica la tradizione dello Studium Generale felsineo, ma lo relativizza al XIV secolo.
Oggi la vergona dei condoni fiscali purtroppo fa la realtà diversa, anche se non credo che la responsabilità dell'Università si a rilevante da questo punto di vista.
Mi procurerò di recuperare gli scritti del Prof. Furio Bosello per testimoniare la posizione di Bologna in merito ...

Un caso interessante sulla rettificabilità della dichiarazione tributaria



Non sono solito farlo, perché temo di bruciare tutto lo spazio disponibile, ma riporto qui lo stesso un interessante articolo del solo in tema di rettificabilità della dichiarazione tributaria.
Anche se il pozzo delle tesi non è mai stato aperto, questo filone di ricer5ca potrebbe entrarci dentro a pieno titolo.

lunedì 8 dicembre 2008

Un fior di imposta ...


Pubblicare una sentenza sulla vexata quaestio dell'IRAP e dell'attività organizzata non è che abbia molto senso.
Sono personalmente convinto che ormai tutto si sia detto e che la svolta federalista del nostro sistema triutario sia oramai un fatto, soprattutto per quanto riguarda gli orientamenti giurisprudenziali.
Ma tant'è.
Particolare, in questo caso, il contribuente ... leggere per credere.
Direi che c'è quanto basta, forse, per assegnare una nuova tesi.

domenica 7 dicembre 2008

Finalmente online il sito del seminario di diritto tributario cinese



Una domenica pomeriggio di lavoro ... e il sito del diritto tributario cinese è online !!!
Ci arrivate dalla homepage del portale.

sabato 6 dicembre 2008

A few lines for my friends in Melbourne explaining Constitutional case 112/08 (on Luxury Taxes)

The primacy of EU law on national constitutional law has always been an issue debated by academics in the old continent in general, and in Italy in particular.
On one side the ECJ always decided that the rule of EU law had to prevail on any kind of national provision, while on the other side the National Constitutional Courts were on the opinion that this primacy could not be extended to the fundamental principle enshrined in Constitutional Charters.
For this reason they always refused to be bound by art. 234 (compulsory reference of the case to the ECJ when EU law issues were in dicussion) during their decisions.
The case analyzed in this article seems to be the opening of a new season.
For the first time in the italian constitutional history a (tax) case is submitted to the ECJ by the Constitutional Court which therefore implicitly admits that it can't decide on it without the prior opinion by the judges in Luxembourg when issues related to Eu law are involved.
The reasoning accepted by the Court is simple. The legal order of every European Nation (and Italy in particular) must be considered as one, being fictious the distinction between European and National rules of law.
From this basic assumption stems out the primacy (not explicitly accepted, but de facto recognized) of the European judges over the National (although Constitutional) ones.
The circumstances of the case are also relevant in this respect.
An Italian region (sardinia) implemented new taxes applicable to people not resident on the island and based on the ownership of specific goods or services (luxury goods such as yachts, planes etc ...). Individuals and companies were both liable to tax.
While the tax in question could represent a violation of the constitutional principle of non discrimination in relations to individuals, it could be considered a clear violation of the freedom of establishment in the second case (art. 43 of the Treaty) as well.
That's why the Court delivered the judgement in the first case but submitted the question to the ECJ in the second (now pending in luxembourg).
Other issues were considered as well by the italian Constitutional Court, such as the compatibility of a local tax of this kind with the current constitution (namely, the compatibility of a tax not passed by the national parliament.
Even if, theoretically speaking, Sardinia is allowed to levy specific taxes, the ones of the case fell outs
ide its jurisdiction both because of the taxable base chosen, and because of the absence of a framework national act allowing regions to fully develop a fiscal autonomy. In this respect, the cese debated and decided represents as well an extremely interesting aspect of the forthcoming Federalist reform of the italian tax system.

Il Professor Livingston conferma la partecipazione al seminario di diritto tributario cinese


Sono particolarmente felice di comunicare alla comunità accademica ferrarese e a tutti i mei amici che il prof. Michael Livingston, ordinario di diritto tributario alla Rutgers-Camden Law School di Philadelphia è in visita per la seconda volta presso il nostro ateneo.
Ha confermato la sua partecipazione come discussant al seminario in cui il Prof. Huiqiang terrà la sua relazione sul sistema bancario in Cina, e penso che così facendo si otterrà un risultato ancora migliore.
Di fatto, saranno presenti a Ferrara due specialisti fiscali delel due più grandi economie mondiali ma che sviluppano la loro economia secondo modelli radicalmente divergenti.
Una bella occasione di confronti, e per capire un po' di più, dal punto di vista operativo, che razza di mondo dobbiamo aspettarci.
Qui ho caricato il link alla pagina web del professore dove è visibile il suo curriculum.

Il convegno di diritto tributario a Bologna


In anteprima ai fedeli lettori del blog (ma quali ?) giro la locandina del prossimo convegno internazionale di Bologna. Art director e copywriter, come sempre, Andrea Mondini.
C'è anche il contributo di Ferrara, naturalmente, soprattutto nella componente cinese dell'evento.
Io ci sarò (almeno sabato), spero di vedervi.

sabato 29 novembre 2008

Il credito d'imposta per i tributi assolti all'estero

Una piccola influenza del docente incaricato sabato ha permesso a marco Greggi di imperversare ancora una volta pressoché indisturbato nelle aule di via Belmeloro in Bologna

La nozione di residenza nel diritto tributario internazionale

Sono stato invitato a tenere una lezione al Master Berliri di Bologna in tema di residenza fiscale. Eccone l'esito.
dedico la lezione ai miei studenti di Ferrara e Rovigo che in questa settimana mi hanno visto poco e nella prossima, temo, ancora meno ...

lunedì 24 novembre 2008

Current International Taxation Law issues on company mobility within the EU

Riporto qui di seguito le slides usate oggi durante il mio intervento a Padova.
Ringrazio ancora Marcello Poggioli e Mauro Beghin per l'invito !

mercoledì 19 novembre 2008

Incontro con Boris Pahor

Anche se non riguardante il diritto tributario, segnalo questo interessante incontro a tutta la comunità dei miei lettori


Dipartimento di Scienze Giuridiche
Sala Consiliare
C.so Ercole I° d’Este 44, 1° piano

Ferrara 24 novembre 2008 ore 15.30


FASCISMO e COMUNITA’ SLOVENA


Incontro con Boris Pahor


PROGRAMMA DELLA GIORNATA
Saluti
direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche Giovanni De Cristofaro

presidente Anpi Ferrara Daniele Civolani
direttrice Istituto di Storia Contemporanea Anna Maria Quarzi


Intervento di Dunya Nanut, docente di storia del Liceo Scientifico sloveno Preseren di Trieste




Boris Pahor Scrittore italiano di madrelingua slovena. Le sue opere sono tradotte in francese, tedesco, serbo-croato, ungherese, inglese, spagnolo, italiano, catalano e finlandese. L'opera più nota è Necropoli, un romanzo autobiografico sulla sua prigionia a Natzweiler-Struthof..A giugno di quest’anno ha vinto il Premio Internazionale Viareggio- Versiliae e nel maggio del 2007 è stato insignito con la onorificenza francese della Legion d'onore. Opere tradotte in italiano: Srecko Kosovel, Studio Tesi, Pordenone 1993 Necropoli, trad. Ezio Martin, Edizioni del Consorzio culturale del Monfalconese, San Canzian d'Isonzo 1997 Il rogo nel porto, trad. Mirella Udrih-Merku, Diomira Fabjan Bajc, Mara Debeljuh, Nicolodi, Rovereto 2001 La villa sul lago, trad. Marija Kacin, Nicolodi, Rovereto 2002 Il petalo giallo, trad. Diomira Fabjan Bajc, Nicolodi, Rovereto 2004 Il petalo giallo, trad. Diomira Fabjan Bajc, Zandonai, Rovereto 2007 Letteratura slovena del Litorale: vademecum / Kosovel a Trieste e altri scritti, Mladika, Trieste 2004 Necropoli, trad. Ezio Martin, revisione di Valerio Aiolli, Edizioni del Consorzio culturale del Monfalconese, Ronchi dei Legionari 2005 Necropoli, trad. Ezio Martin, revisione di Valerio Aiolli, prefazione di Claudio Magris, Fazi Editore, Roma 2008

Con la collaborazione dell'Associazione IL FIUME di Stienta ( Rovigo)

domenica 16 novembre 2008

Per una tutela conto la "Risorsa odiosa", II parte

Ecco gli ultimi 5 minuti della lezione del Prof. Belluzzi
AVVERTENZA AGLI SPETTATORI
Il budger prossimo allo zero che ho a disposizione per organizzare questi eventi mi impone scelte drastice in merito alel tecnologie impiegate per tener traccia degli stessi.
In particolare le registrazioni audio video, come quella in questione, sono state rese possibili grazie a software e connettività di terze parti (Ustream).
Da questo deriva che dal punto di vista qualitativo la connessione può risulatre lenta, oppure che il video non sia disponibile per alcuni periodi. Si tratta di malfunzionamenti che non costretto ad accettare a fronte della gratuità del servizio resto.


Per una tutela conto la "Risorsa odiosa", I parte

Ecco la prima parte del seminario tenuto dal Prof. Beluzzi in Rovigo

Frequenza al seminario del Prof. Belluzzi in Rovigo

Venerdì scorso si è tenuto in Rovigo il secondo seminario curato dal Prof. Belluzzi, e riguardante l'evoluzione storica dell'attività di accertamento in Italia.
Numerosa è stata la partecipazione, sia in aula che online (con punte massime di 30 persone che hanno seguito via internet e in diretta l'esposizione del Professore).
Questi gli studenti la cui presenza è stata registrata in aula.

ROSO CHIARA
BIASIOLI SILVIA
BARDELLA ALDO
MILAN RITA
FOGARIN SIMONE
BOVO GIULIANO
GESUATO LUCIA
MATTIOLO GRETA
CROCCO LINDA
ZENNARO FRANCESCA
CIRIELLO RICCARDO
MARAGNO GIORGIA
CORRADIN DANIELA
BOSCOLO "CEGION" ANDREA
PINATO DAVIDE
RIGOLIN ROBERTO
BETTIO THOMAS
TALDO GIANLUCA
FRANCO ELISA
FURCI MADDALENA
MARTINELLI ISABELLA
CABIANCA LUCIANA

martedì 11 novembre 2008

Primo seminario del Prof. Belluzzi

Oggi si è concluso il primo seminario tenuto dal Prof. Belluzzi in Ferrara, nell'anno accademico 2008 - 2009.
Questi gli studenti partecipanti di cui è stata registrata la presenza

Silvia Samaritani
Alberto Scheggi LM
Giulia Cantarella LM
Silvia Braghetta LM
Carla Perugini
Chiara Balest
Matteo Bombarda
Carlotta Rimondi
Valentina Patroncini
Nicol Malaguti
Lisa Magri
Elisa Boccini
Lilya Yakova
Tommaso Balboni
Riccardo Tognetti
Raffaele Merighi
Luisa Ferrara
Andrea Luppi
Alberto Cacciavillani
Giulia Barbieri

sabato 1 novembre 2008

Borse di studio a Taiwan


Nella foto, la capitale Taipei

Segnalo ai miei studenti della specialistica (o della magistrale, ma al quarto o quinto anno) la possibilità di borse di studio non generosissime, ma di breve durata (un paio di mesi estivi), per studiare a Taiwan e magari apprendere i primi rudimenti del cinese.
Qui potete trovare ulteriori informazioni.
la cosa è interessante perché non essendo di durata eccessiva, l'esperienza orientale può essere coniugata con un normale percorso di studi in Italia senza compromettere sessioni esami etc ...
Per ogni necessità non esitate(*) a contattarmi.

(*) Si fa per dire. In realtà, astenersi perditempo !

giovedì 30 ottobre 2008

Il Prof. Alberto Avio segnala la possibilità di un tirocinio al ... Senato !

Vi comunico che oggi è arrivato il nuovo bando (scadenza 1 dicembre 2008) per TIROCINI presso il Senato. Sono 19 diversi profili. Copia del bando e di tutto quanto inviato sono presso la segreteria di Presidenza.



Alberto Avio

Il punto di vista dei ricercatori

giovedì 23 ottobre 2008

Di derivazione e di alcune altre cose ...


Altro contributo interessante a firma questa volta di Francesco Bonazzi, per L'Espresso.
Divulgativo (come deve essere) ma efficace.

Tra di loro, gli gnomi della finanza londinese lo chiamano "trading fiscale", ovvero vendita di derivati con un solo scopo: permettere al cliente di risparmiare una montagna di soldi sulle tasse. Ma le banche italiane che negli ultimi anni si sono rimpinzate di questi contratti non userebbero mai una definizione così spiccia. Sarebbe come ammettere che hanno volontariamente sottratto al Fisco centinaia di milioni, sfruttando i trattati bilaterali che vietano la doppia imposizione.

Un giochetto che, secondo quanto risulta a "L'espresso" (venuto in possesso di documentazione riservata tra contratti, memorandum fiscali e analisi confidenziali sulla clientela italiana), avrebbe permesso ad alcuni tra i maggiori istituti di credito di casa nostra risparmi fiscali per non meno di 3 miliardi e mezzo di euro negli ultimi cinque anni. Una cifra che forse meriterebbe una qualche riflessione in tempi nei quali lo Stato corre a garantire le banche con i soldi dei contribuenti.

Il marchingegno che sta alla base di questi profitti, se fosse stato sottoposto a un parere dell'Agenzia delle entrate, sarebbe stato probabilmente vietato. Come ha fatto quest'estate il fisco Usa, dopo che una commissione d'inchiesta del Senato ha svelato i segreti del "trading fiscale". Le autorità statunitensi su questi contratti hanno intimato lo stop ai loro banchieri, arrivando perfino a minacciare la galera. Saranno stati un po' brutali, gli sceriffi del fisco americano, ma non dovevano avere tutti i torti se poi un venditore seriale di questi bond "taglia-tasse" come Deutsche Bank ha improvvisamente smesso di proporli anche in Italia.

DA LONDRA CON LA VALIGETTA
Ogni mercato, anche il più riservato, ha i suoi venditori e i suoi compratori. Quello "fiscale" non fa eccezione, se non per il fatto che su ogni singolo contratto ballano cifre che possono toccare 1,3 miliardi in pochi mesi. All'inizio degli anni Duemila, alcuni banchieri con sede a Londra cominciano a bussare alla porta degli "investment manager" delle nostre banche. Lavorano per grandi firme come Dresdner Kleinwort, Barclays Capital, Lehman Brothers, Deutsche Bank e Credit Suisse, e propongono dei "repo" (pronti contro termine) così strutturati. La banca italiana investe in titoli non quotati emessi da una società fiscalmente residente nel Regno Unito o in Lussemburgo e controllata dalla banca straniera che ha proposto l'affare.

Alla scadenza del contratto, l'istituto estero s'impegna a ricomprare il bond a un prezzo prestabilito. Nel frattempo, la banca italiana ha diritto a percepire gl'interessi sui titoli di debito e le eventuali cedole. I contratti durano da 2 a 11 mesi, in modo da non dover finire nei bilanci. Vista l'aria che tira, la prima domanda che ci si fa di fronte a questi contratti è se le banche italiane stiano rischiando i soldi dei loro clienti in strumenti pericolosi. La risposta è: assolutamente no. Stanno solo risparmiando sulle tasse. E anche parecchio.

IL BELLO DEL CEDOLONE
La parte sugosa di queste operazioni è quella che nei contratti viene sbrigativamente accennata al punto "eventuali cedole", da concordare di volta in volta e magari solo al telefono. Come spiega a "L'espresso" un banchiere che ha venduto decine di questi prodotti, «la cedola in realtà non è mai eventuale, ma è una costante di questi pronti contro termine». E soprattutto, spesso non è neppure una cedola del 10 per cento, come si legge in qualche brochure riservata, ma un dividendo che può oscillare tra il 35 e il 40 per cento.

Insomma, come riassume un altro gnomo, «alla fine il repo può andare più o meno bene, ma il vero business è sul suo collaterale, ovvero la spartizione tra banca estera e banca italiana delle plusvalenze e delle cedole che ci si scambia nel corso del contratto». Vediamo come funziona. Se una banca fa un miliardo di utili in Italia, deve girare al Fisco circa 310 milioni di euro. Ma se gli utili vengono realizzati in un paese che ha un trattato fiscale con Roma che vieta la doppia imposizione, come il Lussemburgo o il Regno Unito, allora il discorso cambia. La banca italiana può decidere di puntare il suo miliardo su un'obbligazione estera non quotata e incassare gli utili sul "collaterale", dopo di che basta che conservi la ricevuta della ritenuta d'acconto inglese, pari al 10 per cento, e gli obblighi fiscali sono terminati.

Rifacciamo i conti ed ecco la prima convenienza di tutto il marchingegno: sui frutti del "collaterale", che magari ammontano a 330-400 milioni, si risparmia il 20 per cento circa di tasse (35 meno 10) grazie al divieto di doppia imposizione. È questa differenza che ha creato oltre 3 miliardi e mezzo di minor gettito in cinque anni dalle banche al Fisco. E come viene diviso questo 20 per cento di "utile fiscale"? Secondo quanto hanno spiegato fonti estere a "L'espresso", un terzo se lo tiene la banca straniera e due terzi vanno a quella italiana. Una spartizione singolare per istituzioni abituate a operare tra loro con commissioni percentuali approssimate alla virgola.

LA LEGAL OPINION
Le banche italiane che hanno stipulato questi contratti si sono limitate a depositare in qualche loro cassetto delle dotte "legal opinion" (le più gettonate sono quelle dell'avvocato Renato Paternollo, dello studio Freshfields), nel caso saltasse fuori qualcosa e l'Agenzia delle entrate sospettasse comportamenti elusivi o fraudolenti. C'è però una considerazione svolta dai loro stessi consulenti che merita di essere qui riportata: «L'amministrazione finanziaria italiana non ha finora fornito chiarimenti sul credito d'imposta per i redditi prodotti all'estero e non si può escludere che l'amministrazione si attenga a una diversa interpretazione delle norme anti-elusione, nel caso in cui avesse occasione di analizzare tali operazioni nel corso di un accertamento».

Tradotto dal giuridichese: care banche italiane, fate pure questi contratti, ma se poi vi beccano potreste avere qualche grana (e noi consulenti fiscali ve l'avevamo detto). Abbiamo girato i contratti anche a uno dei massimi tributaristi italiani e la risposta è stata secca: «È un pratica elusiva, perché sono venduti apertamente come strumenti del "dividend stripping"». Ovvero, sono delle specie di arbitraggi fiscali, con i quali le controparti si scambiano i diritti di usufrutto su un bond, vestendoli e rivestendoli ora da dividendo, ora da plusvalenza, ora da interessi, ma sempre a seconda delle reciproche convenienze tributarie.

BENEDETTE BROCHURE
Il punto è che le opinioni legali acquisite dalle banche erano a corredo dei contratti. Ma i contratti sono stati venduti in Italia consegnando ai clienti delle "brochure" ben più esplicite e che forse i consulenti fiscali non hanno visto . In una presentazione di un banca estera datata giugno 2007 e relativa a un investimento in Lussemburgo, ad esempio, si spiega che l'investitore godrà di una serie di benefici fiscali dei quali non godrebbe in Italia. E non ci vuole uno scienziato del marketing per capire che quella pagina di "Tax considerations" che illustra l'operazione è il vero appeal di un investimento che non viene minimamente propagandato per il suo valore finanziario.

ECCO CHI LI HA COMPRATI
"L'espresso" ha ottenuto un documento confidenziale di una banca estera nel quale si fa il punto sul mercato italiano e sui concorrenti. Se ne ricava che contratti del tipo sopra spiegato sono stati sottoscritti da Abax-Credem, Antonveneta, Carige, Interbanca, Intesa San Paolo, Monte dei Paschi, Popolare di Milano, Popolare Verona e Popolare Vicentina. In un contratto del marzo 2008, del valore nominale di 800 milioni di euro, lo schema è addirittura quadrangolare e vede in campo Unicredito come investitore, la sede londinese della sua controllata tedesca Hypo-Verein come custode dei titoli, la sede londinese della Dresdner Bank come proponente del contratto e una oscura società di Gibilterra di nome Patara Finance come emittente del bond (nel contratto c'è scritto che Patara «non è controllata di Dresdner, ma entra nel suo bilancio consolidato»).

Sempre nel memorandum di mercato si legge che alcune banche hanno respinto l'offerta e per questo sono bollate come «estremamente prudenti» (è il caso di Mediobanca). Mentre altre hanno declinato perché non avevano "capacità fiscale", ovvero utili da abbattere. E quello della "tax capability" è indicato come il requisito fondamentale della banca italiana da abbordare. La discriminante della "capacità fiscale" tradisce così l'elemento chiave di questi contratti e spiega come si possano generare "cedoloni" del 40 per cento in pochi mesi. Facciamo una pura ipotesi: in un certo anno, il gruppo italiano "XYZ" ha fatto a casa sua utili per un miliardo e dovrebbe pagarvi sopra oltre 300 milioni di tasse.

Se però ne investe una bella fetta, diciamo 900 milioni, su un pronti contro termine che "purtroppo" dopo tre mesi perde metà del capitale investito, in questo modo abbatte l'imponibile di un bel po'. I soldi però rientrano dalla finestra sul "collaterale" del bond andato male, dove invece si guadagna una maxi-cedola da 300 milioni e sulla quale, per giunta, si pagherà solo il 10 per cento d'imposta alle autorità inglesi. Per ora si tratta di una semplice ipotesi giornalistica, ma i contratti in mano a "L'espresso" potrebbero tranquillamente essere gestiti anche in questo modo.

Se fosse così, non saremmo più di fronte a una forma di elusione, ma a un modo fraudolento di far sparire gli utili montando operazioni fittizie. Volendo invece sperare che le cose non sia andate in questa maniera, resta il giallo di tutta quell'enfasi sulla "tax capability" del cliente italiano. Perché se questi contratti non sono neppure "trading fiscale", davvero non se ne capisce il senso. E tutta questa attività delle banche straniere in Italia avrebbe la stessa ragionevolezza di un pressing della Pfizer sui pediatri perché prescrivano il Viagra.

mercoledì 22 ottobre 2008

Ancora in tema di paradisi fiscali ?


Questa volta allego un interessante articolo a firma di Vanni Cornero apparso sulla Stampa di oggi.
Naturalmente tutti i diritti sono riservati dall'autore e dall'editore.

«La Svizzera dovrebbe essere inserita nella lista nera dei paradisi fiscali». Questa dichiarazione del ministro delle finanze tedesco, Peer Steinbruck, è un po'la sintesi del «manifesto», con cui diciassette paesi dell'Ocse, capeggiati da Parigi e Berlino, dichiarano una lotta senza quartiere agli Stati compiacenti in fatto di tasse, convinti che le frodi e l'evasione fiscale costituiscano «un buco nero» della finanza con un forte impatto sull'economia mondiale. La prima richiesta è stata quella di aggiornare entro la metà del 2009 l'elenco dei paesi da mettere all'indice per la scarsa cooperazione sul fronte fiscale, in cui oggi figurano solo il principato di Monaco, Andorra e Liechtenstein.

Nella nuova lista dovrebbe esserci anche la Svizzera che non avrebbe fatto sufficienti progressi sul fronte del segreto bancario, così come Lussemburgo, Austria e altri. All'incontro a cui hanno partecipato Germania, Francia, Italia, Regno Unito, Belgio, Olanda, Norvegia, Svezia, Danimarca, Irlanda, Australia, Finlandia, Islanda, Giappone, Corea, Messico e Spagna non erano in effetti presenti, appunto, Svizzera, Lussemburgo e Austria.
Secondo l'Ong «Transparency International», i paradisi fiscali ospiterebbero 400 banche, due terzi dei fondi speculativi, due milioni di società fittizie che rappresentano 10.000 miliardi di dollari di asset finanziari. In particolare la Francia ritiene dal canto suo che l'evasione fiscale ogni anno privi l'erario di Parigi di una somma tra i 30 e i 40 miliardi di dollari.
Ma, oltre all'assedio del suo storico segreto bancario, la Confederazione elvetica deve anche vedersela con il vespaio suscitato dalla concessione di bonus e premi ai manager di Ubs, dopo che il colosso del credito è stato salvato dalla tempesta sul settore bancario internazionale a colpi di decine miliardi di aiuti statali (per la precisione 54, in dollari). Ora l'idea che Ubs preveda di distribuire in primavera 7 miliardi di franchi (circa 4,6 miliardi di euro) sotto forma di bonus al personale, dopo le perdite ai cittadini svizzeri proprio non va giù. Tanto che Eugen Haltiner, presidente della Commissione federale delle banche è giunto il momento di introdurre un sistema «bonus-malus»: i bonus ai dipendenti verrebbero bloccati per un determinato periodo e versati soltanto se le attività della banca proseguono positivamente per diversi mesi. E due giorni fa il quotidiano «Blick» ha pubblicato una lettera modello da inviare a Marcel Ospel, in cui si invita l'ex numero di Ubs a rimborsare i 44 milioni di franchi di bonus percepiti fino alla sua forzata partenza, nella primavera scorsa. Una richiesta sostenuta da diversi rappresentanti politici e, perfino, da alcuni esponenti del mondo economico.

sabato 18 ottobre 2008

In materia di ONLUS


Nel corso dell'ultima lezione abbiamo telegraficamente parlato delle
ONLUS, organizzazioni non lucrative di utilità sciale.
Abbiamo precisato che la ONLUS non è un soggetto a sé stante nel
nostro ordinamento giuridico, quanto piuttosto un "modo di essere" di
un associazione, cooperativa e così via.
Caratteristica della ONLUS è di coinvolgere soggetti socialmente
svantaggiati, sia come operatori che come destinatari del servizio.
La Cassazione recentemente sembra però aver detto qualcosa di più.

Secondo una recente giurisprudenza il supremo collegio sembrerebbe
aver dato il "via libera" alle ONLUS per produrre profitti: potranno
gestire attività non rivolte necessariamente ai poveri e quindi farsi
pagare. Resta fermo il limite della distribuzione degli utili. È
quanto affermato dalle sezioni Unite della Suprema corte che appunto,
con la sentenza n. 24883/2008, hanno respinto il ricorso dell'Agenzia
delle entrate.
Per vostra curiosità personale allego qui il testo della sentenza,
lasciando inteso che esso NON deve essere studiato ai fini dell'esame.
NON si tratta di lavoro in più per voi, quanto piuttosto di un
arricchimento delle informazioni e della didattica nell'ambito del
corso di diritto tributario.

NOTA: il testo della sentenza è stato inviato in allegato al messaggio di posta elettronica circolare a tutti gli iscritti al Corso

Marco Greggi

venerdì 17 ottobre 2008

Novità per i corsi di diritto tributario

Gentili Studenti,
un paio di novità per i corsi di Ferrara e Rovigo

PER FERRARA
La lezione al Master di Bologna, in programma per questo martedì, è
stata posticipata.
Quindi martedì prossimo si fa regolarmente lezione a Ferrara, come da programma.

PER FERRARA E ROVIGO
Sto cercando di caricare online, in questo momento, TUTTE le
registrazioni di TUTTE le lezioni fatte lo scorso anno in un modo tale
che sia più semplice per voi effettuare il download.
se del caso, nel week end vi darò conferma del successo dell'operazione.
Lo faccio per quelli fra di voi che non hanno l'ADSL a casa e che a
Rovigo non possono ascoltare le lezioni dai PC.

giovedì 16 ottobre 2008

L'Università di Leeds comunica che ...

Dear Partner,

The Study Abroad Office would like to keep you informed of what is happening in our office and with Study Abroad exchanges on a regular basis so we hope you will be interested to read the following news. Please also check our website which is updated regularly: http://www.leeds.ac.uk/studyabroad/

Staffing:
* Firstly, Liz Simpson is due to have a baby at the beginning of November so will be taking a year's maternity leave from October 17th. Helen Burdette will be taking over from Liz for the coming year and will be based in the Study Abroad Office. Helen will be contacting our 'worldwide' exchange partners shortly regarding exchange balances/numbers for 2009-10.
* Joana Ricardo joined the Study Abroad Team in August as a part-time member of staff, helping with advising outgoing students and also assisting Alison Hughes with incoming applications during our busier periods.
Admissions and application deadlines for students applying to Leeds:
* The application deadline for students wishing to study in Leeds from January (semester 2) is October 31st.
* We are pleased that the new application process for incoming students has been launched and the first round of students, applying for semester 2 of 2008-09, are using the system. Academic schools are starting to make decisions on students' module choices and 'confirmation of programmes' will be sent to the applicants shortly.
Please note: Students using the new application form need to select the accurate 'admission year' at the outset of the form. For example students applying for January 2009 start, should select the 2008-09 admission year rather than the 2009-10 admission year. Applicants who select the incorrect admission year will be contacted by email and asked to submit another application for the correct year so we can track it accurately.
Events:
* October and November are a busy time of year in the Study Abroad Office for events for outgoing students, past and future. On the 9th of October we held our Welcome Back Reception for students who studied abroad in 2007/08 where International Director Judith Lamie awarded the prizes for the Study Abroad competitions and students enjoyed a glass of wine and the opportunity to catch-up with each other after a year away. All of our students had a great year, so thank you for all of your hard work in helping to make our students' experiences a success!
* October is our peak time for getting out to departments to spread the word about Studying Abroad. Drop-in sessions in departments are well under way, giving students the opportunity to come along and chat with Study Abroad staff and former outgoing students. Our application deadline for outgoing students is November 28th after which we will begin the selection process and begin to send you details of the students who have applied to your respective universities for 2009-10.

We are looking forward to another busy year in Study Abroad and working with all of our partners, and we hope that you will enjoy being part of our exciting exchanges!

Kind Regards,

The Study Abroad Team.

Helen Burdette
Study Abroad Officer
Student Recruitment & Marketing
Study Abroad Office
University of Leeds
Leeds
LS2 9JT
UK
Tel: +44 (0) 113 343 4354
Fax: +44 (0) 113 343 4968
www.leeds.ac.uk/studyabroad/

sabato 11 ottobre 2008

Per una giustizia giusta

Oggi nell'aula magna della nostra madre degli studi, l'alma mater studiorum di bologna, si è svolta la giornata celebrativa della giustizia tributaria, con interventi di senatori e deputati (in rigorosa par condicio di schieramenti), giudici di cassazione e di merito, della corte costituzionale.
Insomma, un evento mostre di grande impatto mediatico e di interesse.
Qui sopra vedete tuttavia la parte che mi ha coinvolto di più, non tanto le relazioni degli augusti invitati (una volta tanto) quanto il coro dell'Alma, in tutto il suo splendore.
davvero bravi.
Dedico questo post a tutti i masteristi che c'erano. E che hanno aspettato.

Nicola Lucchi è uno che ne sa ...


... è stato lui infatti a segnalarmi di leggere con attenzione il D.l. 155 del 9 ottobre 2008. Quello, per intenderci, che getta le basi per il possibile salvataggio di banche italiane attraverso una loro ricapitalizzazione da parte dello sttao.
L'idea di usare il "pubblico" come dice Tremonti, è seducente, ma leggete l'estratto che Nicola ha evidenziato, e vedrete che cosa intende per pubblico.
Che posso aggiungere ?
Che sono onorato: ma ce la vedete voi l'Università di Ferrara che salva l'Unicredit dalla bancarotta ?

martedì 7 ottobre 2008

Avviso agli studenti di Ferrara e Rovigo

Raccomando agli studenti la consultazione del CALENDARIO delle lezioni che sto condividendo con loro attraverso l'applicazione CALENDAR di mydesk unife.
Si tratta di un calendario riservato, disponibile ai soli studenti.

domenica 5 ottobre 2008

Presenti ai seminari sul diritto tributario russo

Si sono tenuti nella scorsa settimana due seminari sulla fiscalità russa, esposta con metodo comparato dal Prof. Vinnitskiy e dal sottoscritto.

Questi qui elencati sono gli studenti di Ferrara che hanno partecipato all'iniziativa:
jacopo mazzanti
giulia barbieri
nicol malaguti
silvia francesca rossetti
valentina patroncini
carlotta rimondi
lara fabbretti
luisa ferrara
ylenia prati
tommaso balboni
carla perugini
matteo bombarda
chiara balest
giorgia sparapan
andret sarti
luca biondelli
gianluca zanella

Questi invece quelli di Rovigo:

elisa franco
laura alciati
giuliano bovo
francesca barison
greta mattiolo
aldo bardella
isabella furin
isabella martinelli
michela finocchiaro
maddalena furci
marco casale
paola sanson
elena bertoli
angela bertoli
riccardo ciriello
silvia biasioli
lucia gesuato
claudia baruffa
ilaria filon
linda crocco
giorgia maragno
luciana cabianca

sabato 4 ottobre 2008

Russian Tax Law for Foreigners


LA LEZIONE E' STATA RIMOSSA SU RICHIESTA DEL RELATORE
THE LESSON HAS BEEN DELETED UPON REQUEST




La seconda lezione del Prof. Vinnitskiy è adesso online per tutti gli studenti dell'UNIFE e per i curiosi "altri".
Tranne che per gli ultimi 5 - 10 minuti, questa lezione è sostanzialmente una riedizione di quella già tenuta in Ferrara. la duplicazione (parziale) è dovuta ovviamente al fatto che gli studenti erano diversi.
Prossimamente online anche le slides del Professore e i suoi appunti, che saranno pubblicati in Ferrara.

venerdì 3 ottobre 2008

Fundamental of Russian Tax Law, I


LA LEZIONE E' STATA RIMOSSA SU RICHIESTA DEL RELATORE
THE LESSON HAS BEEN DELETED UPON REQUEST





Ecco la prima lezione di diritto tributario russo tenuta in Ferrara.
Mi ha scritto una gentile studentessa dell'Università di Roma. deve scrivere una tesi di laurea sulla fiscalità della federazione russa e mi ha chiesto materiali e una sintesi dell'intervento.
Eccolo in formato integrale.
Per le lezioni di diritto tributario cinese ho richiesto copia della documentazione da parte di laureandi alla Bocconi e alla LUISS. Quando questo accade, vuol dire che una università di provincia (nel senso buono del termine) è diventata, per particolarissimi aspetti, punto di riferimento a livello nazionale.
Siamo sul tetto del mondo, e neppure ce ne accorgiamo. Per le nostre attività non otteniamo il supporto di nessuno, né della città, né della provincia, né di Assindustria / Unindustria né di associazioni di categoria, né di camere di commercio, né di ordini professionali, né banche.
Allora, quando le cose vanno bene, c'è ancora più soddisfazione, perché il merito è tutto di UNIFE. E dei suoi studenti. Rassegnatevi a essere i migliori.

domenica 28 settembre 2008

Contro il mercato della fame e della sete


Pubblico questo articolo trovato oggi su corriere.it a firma G. Tremonti.
Tutti i diritti riservati dall'autore e dall'Editore

Alla base degli aumenti dei prezzi del cibo ci sono non solo i fondamentali dell'offerta ma anche una forte speculazione



Caro direttore,


1) Eravamo nel mondo circa 1 miliardo di persone, all'inizio del '900. Eravamo circa 2,5 miliardi, a metà del '900. Siamo circa 6,5 miliardi, all'inizio di questo secolo. Saremo in previsione più di 9 miliardi, prima della fine di questo secolo. Contrariamente a un'impressione che si sta ormai diffondendo, le previsioni economiche sono ancora affidabili, ma solo se basate sui grandi numeri e proiettate sulla dimensione temporale della lunga durata, da un decennio all'altro. Dati questi dati: cosa dire sull'oggi? Cosa prevedere per domani? Cosa fare?

Quindici, ancora dieci anni fa, poco più di 1 miliardo di persone aveva più dell'80% della ricchezza prodotta nel mondo. Oggi, tra quel poco più di 1 miliardo ed i restanti più di 5 miliardi, la ricchezza che si produce nel mondo è divisa a metà: 50%; 50%. Non è solo un differenziale demografico, economico, quantitativo. E' un differenziale politico. Un differenziale ad alta intensità politica. Quindici, ancora dieci anni fa, la parte ricca del mondo era unificata da un proprio e dominante codice di potere: un unico codice economico e monetario, linguistico e politico, fatto dall'ideologia del mercato e del dollaro, dalla lingua inglese e dal G7. Questo ordine si è rotto, nel corso dell'ultimo decennio. Il vecchio codice di dominio è entrato in crisi, tanto al suo interno quanto al suo esterno, a fronte del nuovo mondo che è emerso un po' dappertutto fuori dal vecchio perimetro del G7. Un mondo caotico e anarchico nella sua espressione d'insieme, fatta da sistemi e sottosistemi sociali ed economici, ideologici e politici, tra di loro fortemente differenziati: democrazie emergenti, che replicano alternativamente gli elementi migliori o peggiori dell'Occidente; Stati che ibridano insieme comunismo e mercato; Stati che esprimono e proiettano insieme neo-imperialismo e paleo-mercantilismo; Stati che sono ancora più feudali che sovrani. L'effetto di insieme, l'effetto complessivo è quello di una forte instabilità. Instabilità già in atto; e soprattutto instabilità in potenza. L'arte di «prevedere il futuro», l'arte di fare la «storia del futuro» è un'arte ricorrente. L'offerta di catastrofismo è una costante storica, ma nella sua intensità conosce cicli alterni di alto, medio, basso. Un'arte che in specie si intensifica nelle fasi di crisi, fino agli scenari catastrofici dell'iperconflitto, del nomadismo, del cannibalismo. Qui cerchiamo di essere più costruttivi. L'accaduto non può essere evitato. E' l'inevitabile che può essere evitato. In questa prospettiva, cibo e acqua sono elementi essenziali e strategici. Rappresentiamoli in negativo, per capire più a fondo quanto contano: non cibo, uguale fame; non acqua, uguale sete.

2 Non cibo alias fame. Entro il 2030 la domanda alimentare crescerà del 50%. In particolare, negli ultimi tre anni, i prezzi alimentari sono globalmente cresciuti dell'83%. Solo nel 2007 il prezzo del pane è aumentato del 77%, quello del riso del 16%. Nel 2008 la tendenza non si è invertita. E' solo un po' rallentata. Alla base di questi movimenti e dei loro scarti improvvisi ci sono solo i fondamentali della domanda e dell'offerta o c'è anche la speculazione, la peste del XXI secolo? Per me (non solo per me) c'è anche e forte la speculazione. Ma comunque, anche ragionando solo in termini convenzionali di domanda e di offerta, c'è qualcosa di più. E' questione di equilibri e di velocità sostenibile. La globalizzazione, fatta di colpo e a debito, è stata come aprire un vaso di Pandora, liberando forze che ora non sono facili da controllare. In ogni caso, sul cibo si è creata un'enorme asimmetria, tra l'Occidente e il resto del mondo. Un'asimmetria che è insieme culturale ed esistenziale. A) In Occidente, sul cibo si ragiona in termini lievi, postmoderni. Corriere della Sera del 24 settembre 2008: «Industria del benessere: è record!». Sole 24 Ore del 21 settembre 2008: «Magrezza di Stato» (su: Beker e Posner, Should the State regulate the fast food industry?).

In Occidente la questione del cibo viene in specie vissuta e presentata come un misto tra buone pratiche di igiene sanitaria (è così un po' il verificarsi della profezia di G.B. Shaw: l'igiene diventerà la religione del mondo contemporaneo), pose radical-chic, idee psudoscientifiche, furbizie commerciali, prospettive di risparmi pubblici nella spesa per il welfare. Ancora ieri si auspicava in Europa un aumento dei prezzi per incentivare gli agricoltori a produrre minori quantità, ma di migliore qualità, etc... E via via con scemenze simili. Soprattutto c'è il dilemma, l'enigma tragico dei biocarburanti: sono un target europeo positivo e progressivo o sono un crimine contro l'umanità? B) Nel resto del mondo non è esattamente così. La fame ha fenomenologia e geografia nuove, diverse da quelle tradizionali. La fame non riguarda più solo le aree da sempre povere, o le aree colpite periodicamente da siccità o da eventi bellici. La fame è insieme più estesa e più discontinua di prima. Ed essa stessa può essere, si avvia a essere, non solo l'effetto ma anche la causa di guerre. E' anche questo un lato oscuro della globalizzazione. Per fare un bilancio consolidato della globalizzazione è ancora troppo presto. Nella parte del mondo non «beneficata» dalla globalizzazione non tutti vivono comunque meglio, molti vivono ancora peggio di prima; perché, con i nuovi prezzi, non basta più neanche quel mezzo dollaro che prima «bastava».

3) Non acqua, alias sete. La domanda globale di acqua è triplicata negli ultimi 50 anni e si prevede che crescerà di un ulteriore 25% nel 2030. Almeno 500 milioni di persone vivono in aree che strutturalmente e permanentemente mancano di acqua. Per il 2050 è previsto che salgano a 4 miliardi. Da sempre acqua significa vita e salute. Lo sapevano bene gli antichi romani, con il loro motto Salus per acquas, con i loro acquedotti e le loro terme. Prima dei romani, vi era la Bibbia. L'acqua nella Bibbia non è solo una presenza fisica, sospirata e preziosa, ma è soprattutto e non per caso un simbolo spirituale. Sono almeno 1.500 i passi biblici «bagnati» dalle acque. Passi nei quali ci si imbatte in sorgenti, fiumi, mari, laghi, ma anche in piogge, nevi, rugiade, pozzi, cisterne, acquedotti, piscine, bagni, torrenti, imbarcazioni, pesci, pescatori. L'acqua racchiude valori simbolici fondamentali al punto da trasformarsi in un segno stesso di Dio e della sua parola. L'acqua rivela anche un profilo terribile, di giudizio e di distruzione: pensiamo solo al diluvio o, più semplicemente, al mare che nella Bibbia è visto come un simbolo del nulla, del caos, della morte. E' scritto nell'Apocalisse: «Il mare non c'era più [...]. Un fiume d'acqua viva, limpida come cristallo, scaturiva dal trono di Dio e dell'Agnello [...]. A colui che ha sete darò gratuitamente acqua della fonte della vita» (21,1.6; 22,1). Quel Dio, che aveva dissetato il suo popolo nel deserto, offrirà allora una «sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna» (Giovanni 4,14).

Da sempre la civiltà dipende dalla disponibilità di acqua. E' stato detto, correttamente, che l'acqua è più importante del petrolio. In un prossimo futuro sarà possibile sostituire il petrolio con altre fonti di energia, come quella nucleare o quella solare. Ma non sarà mai possibile sostituire l'acqua. La disponibilità di acqua, va da sé, è essenziale per aumentare la produzione agricola in modo da corrispondere all'incremento della popolazione mondiale. A differenza del cibo, l'acqua sta diventando una risorsa scarsa, anche nei Paesi sviluppati. Vi sono innumerevoli segnali. Ad esempio, quest'anno per la prima volta 18 milioni di californiani hanno dovuto subire un forte razionamento delle forniture idriche. Stiamo parlando della parte del mondo più ricca e più innovativa dal punto di vista tecnologico. Ma tutto ciò evidentemente non è bastato. Il progresso tecnologico potrà indubbiamente aiutare nel trovare nuove risorse idriche e, soprattutto, nell'usare più efficientemente quelle esistenti. Ma il problema non è soltanto tecnologico o risolvibile solo con la scienza. E' un problema anche politico, ed anche morale.

4) Cibo e acqua non sono una merce qualsiasi, una commodity qualsiasi da lasciare al mercato secondo la logica del profitto. La logica del profitto può senz'altro favorire un'allocazione efficiente delle risorse. Ma l'efficienza economica ha poco o nulla a che fare con il soddisfacimento dei bisogni primari di chi — regione geografica o classi di cittadini — non dispone delle risorse economiche necessarie per pagare prezzi di mercato.
La logica del mercato va correttamente applicata per rendere cibo e acqua più disponibile per tutti, in modo efficiente e senza sprechi. Ma non deve essere applicata per rendere il cibo e l'acqua un nuovo e formidabile strumento per conseguire profitti privati di monopolio o rendite di posizione. Come per il cibo, anche per l'acqua sta finendo l'illusione pluridecennale di una crescente disponibilità a prezzi sempre più bassi. I governi hanno il dovere di adottare le misure necessarie affinché l'acqua non diventi una ragione di separazione sociale tra ricchi e poveri, che si tratti collettivamente di interi Paesi o individualmente di cittadini, all'interno dei vari Paesi. Serve per questo il principio di una nuova governance del mondo. E' per questo che, nel suo grande respiro, si condivide pienamente il discorso fatto il 23 settembre 2008 per l'Europa, all'Assemblea generale delle Nazioni Unite dal presidente della Repubblica francese: «La comunità internazionale ha una responsabilità politica e morale che noi dobbiamo assumere... non possiamo governare il mondo di oggi, quello del XXI secolo, con le istituzioni del XX secolo... Abbiamo un secolo di ritardo... Non possiamo più aspettare... a trasformare il G8 in G14, per farvi entrare la Cina, per farvi entrare l'India, per farvi entrare l'Africa del Sud, il Messico, il Brasile. L'Italia propone un grande passo in questa direzione fin dal prossimo vertice che ospiterà. L'Italia ha ragione!». Nel 2008 il suo anno di Presidenza del G8, l'Italia intende proprio andare avanti invitando tutti gli altri Paesi a compiere insieme un passo avanti verso il futuro. Un futuro che può e deve essere migliore del presente.

Job Advertisement for a Research Assistant

Institute for Austrian and International Tax Law
Althanstraße 39-45, 1090 Vienna
Phone: +43/1/313 36/4890
Fax: +43/1/313 36/730
Website: http://www.wu-wien.ac.at/taxlaw


Job Advertisement for a Research Assistant

at the Institute for Austrian and International Tax Law
at the Vienna University of Economics and Business (WU)

The Institute for Austrian and International Tax Law at the Vienna University of Economics and Business (WU) is among the largest academic institutions in the world that does research and teaching in tax law with a focus on corporate, European and international tax law. Head of the Institute is Prof. M. Lang; the other professors are Claus Staringer, Josef Schuch and Pasquale Pistone. The Institute is seeking to appoint two research assistants to work on the Special Research Program on International Tax Coordination (SFB ITC). The aim of the SFB International Tax Coordination is to provide structured answers to issues on international tax coordination where countries are striving for economic integration. The SFB has put a regional focus on the enlarged European Union with Austria being a gateway between the “old” EU Member States and the “new” EU Member States.
The start of the job is preferably on 15 November 2009 or can be individually agreed between November 2008 and January 2009.

Qualifications:
- applicants should have a masters degree in law or business or an equivalent qualification,
preference will be given those who have specialized in taxation
- strong research skills, excellent written and oral communication skills, proven attention to detail, ability to meet deadlines and a systematic approach to work, excellent command of written and spoken English. (Proficiency in written and spoken Germen would be an advantage.)
- international experience and work experience preferably in the field of taxation are most welcome
Tasks:
- doing research in a specialized field in international tax coordination
- giving or assisting in lectures for undergraduates in selected fields of international taxation
- option of writing of a Master or Doctoral or Post-Doctoral-Thesis in your field of specialization
- participating in the organization and management of research projects
For further information on the Institute for Austrian and International Tax Law and on the Special Research Program on International Tax Coordination see http://www.wu- wien.ac.at/taxlaw and http://www.sfb-itc.at. Please submit your complete application via e-mail to maria.sitkovich@wu-wien.ac.at including CV, certificates and degrees of your University, an abstract of your master thesis (or equivalent) and a letter of recommendation.

Closing date for application will be 22 October 2008.

giovedì 25 settembre 2008

Un federalismo senza compromessi

Riporto qui di seguito l'articolo pubblicato oggi dal Prof. E. De Mita sul Sole 24 Ore e sul ilsole24ore.com.

Tutti i diritti riservati dall'autore e dall'editore

L'approvazione «preliminare» e frettolosa del progetto di legge delega in materia di federalismo fiscale ha confermato i limiti politici e istituzionali della proposta. Politicamente ci troviamo di fronte a un compromesso fra le forze interne alla maggioranza di governo che sembra prendere atto del silenzio dell'opposizione, eliminando così la premessa di fondo di una riforma concordata della Costituzione, specie di quella parte di essa che attiene all'ordinamento degli enti locali.

Ma questa connessione necessaria fra federalismo fiscale e riforma della Costituzione, che vede come logicamente prioritaria la riforma della seconda, non sembra interessare più di tanto il Governo. Anzi, questo profilo della priorità della riforma della Costituzione sembra fornire l'alibi perfetto per rinviare la soppressione delle Province: rinviata, si dice, a quando saranno istituite le aree metropolitane, con la strana idea che saranno eliminate solo le Province che si sovrapporranno alle aree. Si tratta di un'idea poco credibile, perché la vera ragione del silenzio su questo argomento si fonda sulla valutazione, da parte del Governo, della forza politica della istituenda Provincia brianzola (quella di Monza) che fa comodo al partito di Bossi.

Manca in generale al federalismo fiscale un orizzonte costituzionale, perché ciò che maggiormente preme al Governo e ai suoi ministri è il «rumore mediatico», e manca una prospettiva strategica che riguardi l'intero sistema politico. Ma l'approvazione frettolosa di un testo prolisso e a un tempo indeterminato ha avuto l'effetto di mutare l'orientamento non solo dei mass-media, ma anche degli enti locali, come i Comuni e le forze sociali, come la presidenza della Confindustria. Finalmente è ricomparsa nell'opinione pubblica più interessata alla questione la valutazione critica del provvedimento.
Il fronte finora compatto degli enti locali si è sgretolato. Il Pd balbetta, perché non sa se la sua strategia serva di più a essere coinvolto nella maggioranza sul tema delle riforme o a essere assorbito nelle critiche isolate dei propri parlamentari.

Fra questi c'è stato un interessante articolo di Vincenzo Visco sul Sole 24 Ore del 9 settembre, che contiene alcune affermazioni interessanti dirette a mettere in evidenza i limiti dell'operazione federalista inquadrandola più correttamente nella legislazione già esistente in tema di autonomia finanziaria degli enti locali, anziché proporla come anticipazione di un federalismo futuro senza nome e cognome. Tale intervento non ha trovato echi nel Partito democratico. Ma questa distinzione fra autonomia finanziaria e federalismo fiscale vede come grande assente il mondo scientifico, che ora sembra arrivare tardi, a cose fatte, per sostenere un'impostazione confusa.
Purtroppo in Italia una parte di noi professori universitari arriva sempre "in soccorso dei vincitori", mentre ci vorrebbe una presenza critica interpartitica (come fu al momento dell'istituzione delle Regioni), che metta i partiti di fronte all'individuazione delle priorità (prima la riforma della Costituzione o prima il federalismo fiscale?) e delle compatibilità (stanno bene insieme dal punto di vista della razionalità amministrativa aree metropolitane e Province, e che ne sarà di una città come Milano, con quattro enti locali che si sovrappongono e si ostacolano a vicenda?).
Quanto al testo programmato (riservandoci un'analisi più precisa dopo la sua approvazione formale), oggi esso si presenta come un elenco caotico di principi astrattamente condivisibili, ma senza una chiara distinzione della loro funzione. Una legge delega è fatta di norme deleganti e di limiti criteriati di essa. Invece nel progetto, sia pure informale, c'è una specie di parte generale introduttiva, dove non si capisce quale funzione debba avere la formulazione dei principi, che sul piano della tecnica giuridica non sempre hanno a che fare con le vere norme deleganti, e la precisazione dei tributi e delle risorse che si vorrebbero individuare.

La precisazione tecnica delle leggi non è fine a se stessa, ma è preordinata alle loro finalità operative. Ma il testo sovrabbondante nei principi e carente nella determinazione delle cose delegate (quanto di soldi avranno i Comuni, dopo la soppressione parziale dell'Ici) è soltanto un vago compromesso politico che volutamente viene considerato aperto, in un tempo non breve, a ogni integrazione da parte dell'opposizione (dando per scontata la coesione della maggioranza per ragioni di politica generale, altrimenti Bossi minaccia di far saltare tutto).
I nodi che dovranno essere sciolti sono non pochi. Il primo è l'atteggiamento dell'opposizione. Qui il ministro degli Affari regionali Raffaele Fitto (Il Foglio, 12 settembre) ha detto delle cose molto vere, arrivando però a conclusioni ardite. Come sappiamo, gli enti locali con le loro associazioni sono un vero e proprio partito politico, finora egemonizzato dalla sinistra. Su questo elemento storico si fonda Fitto, e sulle varie cabine di regia, per inglobare gli enti locali nella maggioranza.
È una grande sfida al Pd che attiene al sistema politico in generale: «Sul coinvolgimento dell'opposizione assistiamo a un paradosso. Quando le bozze, come quella sul federalismo, vanno in giro e ci si confronta con l'opinione delle autonomie locali, è automatico che il Governo si stia confrontando con il Pd...

Si tratta di capire se il confronto sia vissuto come un mero e cortese incontro istituzionale il cui esito può essere modificato per esigenze politiche e ordini di scuderia, oppure si tratta di un dibattito vero che alla fine permetterà al federalismo fiscale di arrivare in Parlamento con un accordo di fatto tra maggioranza e opposizioni. Non penso che il Pd possa chiamarsi fuori da questo confronto». Caro vecchio doroteismo che vuol farsi scienza politica! Veltroni ha risposto per ora che gli accordi si fanno in Parlamento.

La valutazione di Fitto è molto scaltra, ma essa non può svuotare il Parlamento e i gruppi parlamentari sostituendo questi con le associazioni degli enti locali e con le cabine di regia, variamente denominate. Senza dimenticare che oggi le "opinioni degli enti locali" sono più variegate che in passato: Formigoni e Galan insegnano.

Se si pensa che anche l'Anci è critica verso il progetto, allora questo potrà sì essere approvato dal Consiglio dei ministri, ma la sua approvazione definitiva, se ci sarà, conoscerà tempi lunghi e tormentati, e dovrà passare attraverso il riequilibrio del sistema politico. Per ragioni tecniche: salva la sostanza, Fitto farebbe bene a far riscrivere il testo, dosando meglio la formulazione dei principi e precisando le cose concrete che toccano le risorse, specie dei Comuni. Per ragioni politiche: la vanificazione del Parlamento non è solo costituzionalmente impropria, ma rischiosa. E qui il tema diventa di carattere generale.
25 SETTEMBRE 2008