Google+ dirittotributario.eu: Dopo la Bocconi ...

giovedì 15 febbraio 2007

Dopo la Bocconi ...

Grazie all’invito del prof. Giuseppe Marino ho avuto la possibilità di fare una lezione di 4 ore al suo master di Diritto tributario d’impresa presso l’Università Commerciale Bocconi di Milano.
È indubbiamente stato un bell’impegno, che spero di aver onorato nel migliore dei modi, mantenendo gli standard dell’Università di Ferrara.
Sostanzialmente mi sono interessato di due disposizioni fondamentali del Modello di convenzione OCSE: l’art.24 e il 26. In altri termini il principio di non discriminazione e lo Scambio di informazioni fra diverse amministrazioni finanziarie.
Per i maniaci fra di voi, allego in questa entri una copia delle slides che ho proiettato nelle quattro ore.
Vi lascio una sola riflessione, da semplice tributarista. Durante la mia introduzione ho sostenuto che il principio di non discriminazione, come quello di uguaglianza, in un certo senso, sono dei principi, dei valori, “metagiuridici”. Intendevo dire con questo che il senso di uguaglianza è innato in ciascuno di noi, anche se, purtroppo, molto spesso , viene declinato in modo del tutto originale da tante persone.
Durante la pausa ho poi intrattenuto una appassionata e stimolante conversazione con un attento frequentante del master (Ufficiale della Guardia di Finanza) che ha rilevato come, a suo avviso, uguaglianza e non discriminazione sono invece concetti intrinsecamente giudici, che non si possa cioè pensare all’uguaglianza se non in una dimensione giuridica. Senza diritto, insomma, non c’è uguaglianza, e per poter parlare di uguaglianza, si deve fare necessariamente affidamento alla norma giuridica.
Ecco la provocazione: se non ci fosse diritto penale, non ci sarebbero delinquenti.
Mah, che volete che vi dica, non sono un teorico del diritto, e mi vergogno a sottoporre questa domanda a un filosofo. Mi limiti a vergarla su questo blog. Di certo però ricordo che la nozione di uguaglianza è data per presupposta (o comunque impiegata) in altri sistemi formali non giuridici, che so, la matematica, la geometria, etc …
Che ne pensate?
Posta un commento